Maria Giuseppina Grasso Cannizzo, un’archistar discreta

Maria Giuseppina Grasso Cannizzo è un’archistar, ma è discreta: un altro ossimoro di cui la Sicilia, almeno a parere di Gesualdo Bufalino, si nutre? Forse.  Vive, prega, ama e lavora, nascosta nella splendida provincia di Ragusa, ma non la conosce (quasi) nessuno. Lei progetta e tanto: case, torri, ristoranti. A volte, è vero, riceve premi prestigiosi per il suo mestiere, ma non si scompone più di tanto. E continua a produrre ad altissimo livello, ma senza clamori. Ha vinto il RIBA (Royal Institute of British Architets) European Award, nel 2005, per il caffé Mangiarebere a Catania e, nel  2012, per una casa  a Noto in riva al mare che si apre e chiude come un libro. Ma che sarà mai? La Triennale di Milano le ha consegnato un ambitissimo premio alla carriera e, con lei, sono stati incoronati Gae Aulenti e Vittorio Gregotti, due sconosciuti, per dirla tutta. Ma, si sa, in periferia il rumore  arriva leggero, leggero, come un brusio, non dà poi tanto fastidio. Basta chiudere le finestre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *